Pescara, esplode una fabbrica di fuochi d’artificio. Un morto e sei feriti. Colpita anche una squadra dei vigili del fuoco intervenuta per i soccorsi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Violenta esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio nel pescarese, a Villa Cipressi di Città Sant’Angelo. Almeno una persona è morta e altre sei sono rimaste ferite. Un primo scoppio è avvenuto questa mattina verso le 10.30, seguito da una seconda esplosione che ha colpito anche una squadra dei vigili del fuoco, intervenuta sul posto per i soccorsi. Le fiamme sono divampate nei campi intorno alla fabbrica e alcune edifici sono stati danneggiati. La detonazione è stata così forte da rompere i vetri degli edifici circostanti: il boato è stato sentito anche a 20 chilometri di distanza. Il 118 ha mandato quattro ambulanze. Sul luogo dell’incidente anche l’elisoccorso, mentre, in coordinamento con la prefettura, il 118 sta allestendo anche un posto medico avanzato. Intanto la Protezione civile sta coordinando le operazioni di soccorso in prefettura e si cercano altri mezzi di soccorso da inviare sul posto. La fabbrica esplosa, la “Pirotecnica abruzzese” di Mauro di Giacomo, è la maggiore azienda di questo tipo nella zona. Stamattina, al momento dell’esplosione, era in attività e all’interno dell’edificio si trovavano degli operai al lavoro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA