Un blitz della Marina libera il peschereccio italiano sequestrato a 30 chilometri dalla Libia. A bordo c’erano anche sette membri dell’equipaggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Uomini armati hanno sequestrato un peschereccio siciliano. Potrebbe trattarsi di un atto di pirateria contro il motopesca «Airone», di Mazara del Vallo (Trapani), con 7 marinai a bordo, di cui 3 siciliani e 4 tunisini. L’imbarcazione si trovava a 40 miglia dalla costa di Misurata quando è stato dirottata. A dare l’allarme via radio alla Guardia costiera è stato l’equipaggio di un altro peschereccio siciliano che si trovava nella stessa zona. Un blitz della Marina è riuscito però a evitare il peggio liberandolo.