Piaga caporalato, 27 operai costretti a lavorare in condizioni disumane per 25 euro al giorno. Due arresti a Ragusa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Venticinque euro al giorno per otto ore di lavoro, tre euro all’ora, niente. Siamo in provincia di Ragusa, in un’azienda agricola di Vittoria. Quando gli uomini della squadra mobile di Ragusa si sono presentati nell’azienda agricola di Vittoria li hanno trovati chini a raccogliere pomodori nelle serre. La forza lavoro era composta da 19 richiedenti asilo, 5 rumeni e 2 tunisini.

Grazie al nuovo articolo 603 bis sul caporalato e lo sfruttamento di manodopera, i due titolari dell’azienda agricola, 40mila metri quadri di coltivazione in contrada Alcerito a Vittoria,  Angelo e Valentino Busacca, sono stati arrestati.

Dei 26 operai, 7 alloggiavano in tuguri fatiscenti all’interno dell’azienda agricola in condizioni igieniche pessime mentre i richiedenti asilo la notte tornavano nei centri di accoglienza che li ospitano. Riscontrate gravissime violazioni sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA