Piazza Affari, dopo l’uragano Moody’s, tiene bene e apre con il segno più (+1,14). Spread tra Btp e Bund a 289 punti base spinge i bancari ma poi torna a salire sopra i 300

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A Piazza Affari, dopo l’exploit di avvio a +1,82%,  l’indice Ftse Mib si è ridimensionato a +1,14%. Il declassamento di Moody’s, che pur avendo tagliato la valutazione dell’Italia ha mantenuto stabile la previsione, ha favorito i bancari. Buona performance iniziale per Fca, che beneficia dell’annunciata cessione di Magneti Marelli: la quotazione ha registrato rialzi superiori al 4,5% ma ora sale del 3,85%. Apertura in deciso calo per lo Spread tra Btp e Bund, 289 punti base contro i 301 punti della chiusura di venerdì. Il crollo dello spread sta spingendo in alto le banche con Banco Bpm (+5,3%) e Ubi (+4,8%) in prima fila. Bene anche Banca Generali (+2%). Alle 10:30 lo spread è tornato a sfiorare nuovamente i 300 punti base dopo il calo, registrato stamani, fino a 282.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA