Piccoli schiavi invisibili. Sempre più minori sfruttati: dal lavoro nei campi alla prostituzione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sempre più schiavi nel mondo. E di questi uno su quattro è minore. Sono allarmanti i dati sullo sfruttamento a livello mondiale: i casi rilevati sono stati 63.251 e 17.710 riguradano bambini o adolescenti. La maggior parte riguardano il genere femminile (12.650). I numeri, che fanno riferimento alle rilevazioni in 106 Paesi, sono stati raccolti da Save the Children nel dossier “Piccoli Schiavi Invisibili 2017”.

Il fenomeno non risparmia nemmeno i Paesi che appartengono all’Unione europea, dove sono state accertate, soltanto lo scorso anno, almeno 15.846 vittime di cui il 76% donne e il 15% minori. Le forme di sfruttamento vanno dalla prostituzione forzata, 67% dei casi, sfruttamento lavorativo (21%) in ambito agricolo, manifatturiero, edile, nei servizi domestici e nella ristorazione. Soffermandoci all’Italia sono state 1.172 le vittime accertate: 954 donne e 111 minori di cui l’84% di sesso femminile. Chi c’è dietro questo sfruttamento? In Italia gli adulti sospettati o incriminati per reati connessi alla tratta o allo sfruttamento degli esseri umani sono stati 324 l’anno scorso, in maggioranza uomini e di origine romena (89), nigeriana (85) e italiani (47).

Le vittime che hanno meno di 18 anni sono soprattutto di nazionalità nigeriana (67%) e rumena (8%). Cresce lo sfruttamento di tipo sessuale come confermato dagli operatori di Save the Children che hanno registrato tra gennaio 2015 e aprile 2016 356 contatti con vittime o potenziali tali, un numero poi cresciuto di quasi 4 volte tra maggio 2016 e marzo 2017, quando i contatti hanno raggiunto quota 1.313, di cui 237 vittime minorenni e 1.076 neo-maggiorenni.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA