Il maltempo ne ammazza altri due

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Un Paese che si sbriciola sempre di più. La nuova ondata ha mandato letteralmente in tilt il nord del Paese. Perché quando piove in Italia c’è poco da discostare il nord dal sud. La prevenzione geologica è un termine talmente mal digerito nei palazzi del potere che l’incuria del territorio è molto simile dal Piemonte alla Sicilia. E l’ultima tragedia si è registrata in Piemonte nel biellese, a Crevacuore, dove uno smottamento ha travolto un anziano di 70 anni lasciandolo senza vita sotto il fango. Si è salvato miracolosamente, invece, il suo vicino di casa. Travolto anche lui. E la pioggia non vuol saperne proprio di fermarsi. Oltre a Liguria e Piemonte, l’emergenza rischia di impelagare pure la Lombardia dove un uomo è stato inghiottito dal Lago Maggiore.

LOMBARDIA ABBANDONATA
Esondato il fiume Seveso con l’emergenza totale nel quartiere Niguarda a Milano con traffico in tilt e mezzi pubblici costretti alla sosta. Mentre cresce anche la protesta perché fa sapere l’assessore regionale alla Protezione civile, Simona Bordonali, il governo per il maltempo della scorsa estate ha finanziato solo 5,5 milioni per il ripristino dei danni quando la stima era stata di 88 milioni per 314 comuni lombardi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA