Pilates, toccasana per mal di schiena e postura. L’allenamento rafforza i muscoli che bilanciano il corpo e sono essenziali per sostenere la colonna vertebrale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Si tratta di uno dei metodi di allenamento più apprezzati nelle palestre e nei centri di riabilitazione. Il merito è probabilmente da attribuire alla sua capacità di rafforzare il corpo e allo stesso tempo correggere la postura, con un rischio pressoché nullo di avere infortuni e grandi benefici per la schiena. Il Pilates è un metodo di allenamento che insegna a prendere coscienza del proprio corpo, per rafforzarlo, correggere la postura e migliorare la fluidità e la precisione dei movimenti. Ed è sempre più apprezzato in Italia. Nel Pilates il corpo si muove come un sistema integrato. Gran parte del lavoro è concentrato sui muscoli che favoriscono il controllo della postura, che si trovano nell’area compresa tra il dorso e il bacino, quindi: dorsali, lombari, addominali e glutei. L’ultimo studio su questo tipo di attività è brasiliano ed è stato sviluppato con l’obiettivo di determinare l’efficacia superiore del pilates sulla sintomatologia dolorosa lombare rispetto ad altre pratiche. I ricercatori hanno estrapolato 126 ricerche, scegliendo-
ne poi 10, comprensive di poco più di 500 pazienti affetti da forme di lombalgia di varia intensità e grado e tutte hanno riconfermato la potenzialità del pilates nel trattare efficacemente il dolore lombare acuto subacuto e cronico a medio e lungo termine, con ricadute moderate anche sulla disabilità associata. Al pilates, che si struttura su una
serie di movimenti di ginnastica lenta e di stretching, si riconoscono benefici sul potenziamento muscolare e della stabilità della colonna, favoriti dalla migliore coordinazione dei movimenti sia in posizione statica che dinamica, cioè durante le fasi di movimento anche minimo.