Pillon condannato dal Tribunale di Perugia per aver diffamato il circolo gay Omphalos. Ma il leghista insiste: “Difendere le famiglie dall’indottrinamento costa caro”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il giudice unico di Perugia ha condannato l’avvocato e senatore della Lega, Simone Pillon, a 1.500 euro di multa per diffamazione nei confronti del circolo gay Omphalos Lgbti di Perugia per alcune affermazioni con le quali aveva commentato,  quando ancora non era ancora parlamentare, una loro iniziativa nelle scuole. Il Tribunale del capoluogo umbro ha disposto anche il risarcimento, da liquidarsi in sede civile, nei confronti dello stesso circolo e di un attivista, con una provvisione complessiva di 30 mila euro, al pagamento della quale il giudice ha subordinato la sospensione della pena. “Difendere le famiglie dall’indottrinamento costa caro”, ha commentato il senatore della Lega aggiungendo che si tratta di “un primo grado non una sentenza definitiva” e che “ci sarà spazio per l’appello”. “Giustizia è fatta nei confronti di un personaggio che ha fatto dell’odio nei confronti delle persone omosessuali e transessuali la sua ragione di battaglia politica”, ha commentato, invece, il presidente del circolo Omphalos, Stefano Bucaioni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA