Pioggia di critiche per Jovanotti. “Il lavoro gratis serve per fare esperienza”. Ma se è gratis che lavoro è? Meglio chiamarlo volontariato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Web in rivolta contro Jovanotti. Il cantante, intervenendo all’università di Firenze, parla della sua esperienza negli Stati Uniti dove tanti ragazzi lavoravano, si fa per dire, nei festival gratis. Jovanotti ha poi parlato della sua esperienza da volontario in alcune feste sottolineando “se mi avessero detto non lo fare, vai in colonia, sarebbe stato peggio. Ma per me quel volontariato lì era una festa anche se lavoravo alla sagra della ranocchia…Mi dava qualcosa”. Questione di punti di vista. Perché il mondo della rete ha preso di mira il cantante leggendo nelle sue parole quell’invito a lavorare anche se sottopagati, o non pagati affatto. “Serve per fare esperienza”, parola di Jovanotti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA