Più arte per salvare Amatrice. La città laziale tra i 25 luoghi da rilanciare nel pianeta. Così il Fondo mondiale della cultura archivia il sisma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Passa anche dalla ricostruzione dei luoghi della cultura la ripartenza di Amatrice e tutte le altre zone distrutte dal terremoto lo scorso anno. Una nuova speranza per la città conosciuta in tutto il mondo per la sua eccellenza culinaria, la amatriciana per l’appunto, è arrivata grazie all’inserimento nella lista del World monuments fund (Wmf). L’organizzazione no profit, che ogni due anni individua i luoghi di interesse culturale e sociale che sono minacciati da conflitti, cataclismi, incuria e abbandono, ha deciso di inserire anche Amatrice tra i paesi da aiutare. Il riconoscimento è arrivato perché la cittadina in provincia di Rieti è stata meritevole dell’interessa da parte della comunità internazionale in seguito al sisma del 24 ottobre 2016. Amatrice è quindi una delle 25 località che si è deciso “di non far morire”. In passato sono state molte le cittadine italiane che, grazie all’inserimento nella lista, hanno potuto usufruire di aiuti economici. Tra queste anche L’Aquila e Pompei.

Tra chiese e quadri – Chi, invece, gode di minor visibilità si sta dando da fare provando a rilanciare in tutti i modi il proprio territorio. La regione Marche ha puntato sull’arte. E proprio in questi giorni ha preso il via la manifestazione “Mostrare le Marche”. Un’esposizione che andrà avanti fino al 2018 mettendo in mostra il patrimonio artistico, tra città e musei marchigiani, cercando di calamitare l’attenzione dei turisti d’arte. La prima esposizione è partita al Museo Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto con la mostra “L’arte che salva. Immagini della predicazione tra Quattrocento e Settecento, Crivelli, Lotto, Guercino” ( a cui si riferisce la foto in alto). Tante altre le iniziative che partiranno nel prossimo anno, molte delle quali andranno avanti fino alla fine de 2018. A Macerata aprirà a dicembre la mostra “Capriccio e natura nel secondo Cinquecento. Percorsi d’arte e di rinascita delle Marche” che si terrà a Palazzo Buonaccorsi. Ascoli Piceno offrirà al pubblico la mostra “Cola dell’Amatrice pittore eccentrico tra Pinturicchio e Raffaello”. Anche Fermo sarà centro di produzione culturale con mostre pittoriche, come anche Fabriano; mentre a Matelica sarà possibile scoprire il romanico con i percorsi nelle abbazie. Senza dimenticare Marche e Abruzzo che per la rinascita nelle zone colpite dal terremoto possono contare su percorsi naturalistici immersi nel verde e su cammini spirituali.