Allerta terrorismo: più controlli a Piazza San Pietro. Il Governo pronto a stanziare altri fondi per la sicurezza del Giubileo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Controlli rafforzati a piazza San Pietro. Metal detector in azione su borse e zaini. Più uomini sulle strade intorno al Vaticano dopo gli attacchi terroristici a Parigi. Mentre l’attenzione è tutta su Papa Francesco per vedere cosa deciderà per quanto riguarda il Giubileo che dovrebbe partire il prossimo e imminente 8 dicembre. Si parla di circa 30 milioni di euro da destinare alla sicurezza che potrebbero arrivare con un emendamento alla legge di stabilità. “Il pericolo esiste, è un pericolo oggettivo ma non è concreto e circostanziato”, ha detto il Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Franco Roberti, “Da questo pericolo dobbiamo guardarci mettendo in campo tutti i mezzi di prevenzione necessari. Non servono leggi speciali ma dobbiamo essere pronti a rinunciare ad alcune delle nostre libertà personali, in particolare dal punto di vista della comunicazione. Non è possibile sentirsi sicuri: ma non dobbiamo neanche spaventarci”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA