Dal Pnrr 1,78 miliardi per accelerare la rinascita delle aree terremotate del Centro Italia. Draghi visita L’Aquila: “Oltre alla memoria c’è il dovere della ricostruzione, un impegno che il Governo deve assumersi”

Draghi ricostruzione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Oltre alla memoria c’è il dovere della ricostruzione, un impegno che il Governo deve assumersi. Si procede con velocità diverse. Mi riferisco al rifacimento degli edifici privati che a L’Aquila ha superato l’80%, negli altri comuni del cratere invece il processo è più lento, mi riferisco soprattutto alla ricostruzione pubblica che non ha ancora un piano completo. Parlo di scuole, ospedali, strade, uffici e chiese. Dobbiamo accelerare, è un obbligo morale che abbiamo verso tutti i cittadini per aiutare la ripresa economica”. E’ quanto ha detto, questa mattina, il premier Mario Draghi intervenendo a L’Aquila alla cerimonia inaugurale del Parco della Memoria in ricordo delle 309 vittime del sisma 2009 (qui il video).

“Il terremoto – ha aggiunto il presidente del Consiglio – ha causato perdite stimate in oltre 200 milioni all’anno a cui si sono aggiunti i danni della pandemia, ma il tessuto sociale e produttivo dell’Abruzzo è rimasto vivo nonostante le tragedie e dobbiamo e dobbiamo continuare a sostenerlo, il Governo ha deciso di destinare un’apposita linea del Pnrr ai territori del centro Italia colpiti dai terremoti del 2009, 2016 e 2017. Ha un valore questo stanziamento di 1,78 miliardi di euro e finanzia la ricostruzione sicura e sostenibile, il recupero ambientale e iniziative a sostegno di cittadini e imprese. In settimana al via il programma”.