Polemiche e stadi, la politica non dà l’esempio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Lite tra tra i tifosi granata e il sindaco di Torino Piero Fassino, noto tifoso juventino. Stando a quel che racconta il sito www.toro.it, ci sarebbe stato un vero e proprio scambio di insulti, al quale il sindaco non si sarebbe sottratto. Siamo appunto allo stadio Filadelfia e ci sono circa 1000 supporter granata per ricordare lo squadrone degli Invincibili e festeggiare la vittoria a Verona che avvicina la squadra di Ventura all’Europa League. A presentare la serata l’ex iena Marco Berry.

Quando arriva Fassino piovono subito insulti al suo indirizzo. Un ultrà piuttosto alticcio che già in precedenza aveva cercato di interrompere Berry è salito sul palco, cercando di zittire il primo cittadino. Insulti, anche cori di contestazione. Fassino ha risposto così: «Sarò un gobbo di merda, ma con questo gobbo si rifarà il Filadelfia». All’ennesimo insulto anche lui avrebbe perso le staffe, mostrando anche – così riporta il sito – il dito medio ai tifosi. E poi è andato via.
Precisazione del sindaco

Fassino ha poi inviato una precisazione a Toro.it, smentendo in maniera netta il gestaccio: «Contrariamente a quanto pubblicato dal sito Toro.it non ho rivolto alcun gesto offensivo nei confronti dei tifosi del Torino. Nonostante le intemperanze di un piccolo gruppo di ultrà molti partecipanti hanno invece apprezzato la mia presenza. A tutti ho ricordato che, per la prima volta dopo 50 anni, la ricostruzione del Filadelfia è un fatto concreto». La ricostruzione, però, non sembra coincidere esattamente col video postato da un consigliere comunale del Movimento 5 Stelle.