Politica e toghe

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Questa volta non vogliono finire come nel ’93, quando la politica si arrese senza condizioni alle Procure scatenate da Tangentopoli. E mentre l’Italia delle mazzette si unisce da nord a sud, dall’Expo di Milano al Mose di Venezia alla Guardia di Finanza di Napoli (con voci, negli ambienti giudiziari, di una grossa operazione che bolle in pentola pure a Roma) ieri la Camera ha mandato due avvertimenti. Uno ai magistrati e l’altro a Renzi. Il Governo è finito sotto sull’unica riforma che può far male ai giudici (e malissimo a quelli incapaci o in mala fede) ed è rispuntata la vecchia questione della responsabilità civile delle toghe. La materia è antica, e sull’argomento gli italiani hanno già approvato un referendum dei radicali che mette tutti i cittadini sullo stesso piano. Non si capisce perché, diversamente, se un chirurgo sbaglia un intervento o un giornalista scrive fesserie deve pagare, ma se un magistrato si dimentica una notifica e fa uscire un mafioso di galera, allora non paga nessuno. Di sicuro il nuovo scontro tra poteri – il legislativo e il giudiziario – rischia di incanalarsi in un pendio pericoloso. Altrettanto serio è però il pizzino spedito al premier. Sulla carta, a Montecitorio l’Esecutivo può contare su una maggioranza fortissima. Nei fatti, invece, ieri sono tornati i franchi tiratori, anche nello stesso partito del Presidente del Consiglio. Il consenso nel Paese e la vittoria alla amministrative sono una cosa, governare con una coalizione Brancaleone e l’opposizione interna al Pd è tutta un’altra storia. Renzi, è chiaro, continua a dire di non voler rischiare. Ma nulla gli farebbe bene come tornare alle urne. A lui e all’Italia.