Porta a Porta e la lobby gay. Monta la protesta nei confronti di Bruno Vespa: “Questo sarebbe servizio pubblico?”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La polemica si abbatte su Porta a Porta. E questa volta non c’entra il clan dei Casamonica. A far arrabbiare tantissime persone che si sono riversate su twitter per attaccare la trasmissione di Rai Uno è stata la puntata di due sere fa sul caso Charamsa. Il titolo della copertina era di per sé esaustivo: “La lobby gay all’attacco di Papa Francesco. “Ancora una volta la collettività omosessuale italiana è stata offesa senza la possibilità di poter replicare alle affermazioni contenute in un programma Rai”, hanno attaccato le associazioni di persone omosessuali. Sono proprio incazzato!”, si è sfogato Aurelio Mancuso, Presidente Equality. “Stasera Vespa ha aperto Porta a Porta con la schermata che vedete, e poi ha pure aggiunto: “I gay seri sono preoccupati per quello che è successo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA