Possibile via libera alla riapertura di bar, ristoranti e parrucchieri dal 18 maggio. Boccia: “Auspichiamo che ci sia una differenziazione territoriale”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Io spero che con la differenziazione territoriale possano riaprire ovunque e poi sarà responsabilità delle singole Regioni avere il quadro dei dati a cui facevo riferimento prima. Se i contagi andranno giù potranno riaprire anche altre cose. Se i contagi saliranno su dovranno restringere. E sarà più facile per tutti responsabilità e doveri”. E’ quanto ha detto ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, ad Agorà rispondendo alla domanda se dal 18 maggio sarà possibile riaprire parrucchieri, bar e ristoranti in alcune regioni. Il ministro ha confermato che entro questa settimana saranno pronte le linee guida per le attività che mettono in sicurezza i vari comparti in vista delle riaperture differenziate. “Noi – ha detto ancora Boccia – auspichiamo che ci sia una differenziazione territoriale. L’unica cosa che posso dire è che quando partirà questa differenziazione territoriale lo Stato indicherà delle linee guida molto chiare da rispettare”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA