Poste può entrare in Alitalia. Via libera dall’Ue: l’assegno da 75 milioni non è un aiuto di Stato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

C’è anche il via libera dell’Ue all’ingresso di Poste Italiane in Alitalia. “Non si tratta di aiuto di Stato”, anche se Poste è una società pubblica che così si appresta ad entrare in Alitalia che è privata con un assegno staccato del valore di 75 milioni. Lo scorso dicembre la Commissione ha informato i due ricorrenti di essere giunta alla conclusione preliminare che le misure sotto indagine non sembravano violare i trattati Ue. Le prove raccolte dalla Commissione nell’ambito dell’inchiesta “suggeriscono che Poste Italiane ha effettuato un investimento sotto gli stessi termini e condizioni di due operatori privati che si trovavano in una situazione analoga”. Viene inoltre sottolineato dalla Commissione che “gli interventi pubblici possono non essere considerati aiuti di Stato ai sensi delle norme Ue quando sono realizzati alle condizioni di mercato che un operatore privato avrebbe accettato”.