Povera Italia, in futuro peggio della Grecia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In attesa della presentazione del Def arrivano le previsioni del Fondo monetario internazionale sull’Italia. E il futuro non pare roseo anzi.
L’economia italiana tornerà infatti a crescere quest’anno: dopo il -1,9% del 2013, il pil salira’ dello 0,6% nel 2014, per accelerare nel 2015 all’1,1%.
Lo prevede l’Fmi nel World Economic Outlook. Il tasso di disoccupazione si attestera’ al 12,4% quest’anno e all’11,9% il prossimo, dopo il 12,2% del 2013.
Ma nelle previsioni del Fondo, l’anno prossimo la Grecia avrà una performance di crescita al 2,6%, partendo dallo 0,6% come l’Italia quest’anno.

”Il rischio di deflazione” nell’area euro resta ”relativamente alto, e pari circa la 20%. Lo afferma il Fmi, sottolineando che un maggiore allentamento monetario, incluse misure non convenzionali, ”e’ necessario ora”. Il Fondo stima per l’area euro prezzi al consumo allo 0,9% e quest’anno e all’1,2% nel 2015.

“Ulteriori azioni per far ripartire il credito in Francia, Irlanda, Italia e Spagna potrebbero far aumentare il pil del 2% o oltre” dice ancora il Fondo. “L’offerta di credito ai livelli pre-crisi porterebbe a un aumento del pil, relativamente al primo trimestre del 2008″, del 2,2% in Francia, 2,5% in Irlanda, 3,9% in Italia, 4,7% in Spagna.

La ripresa globale si e’ rafforzata ma resta ”fragile” e restano ”significativi rischia la ribasso”. Lo afferma il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) nel Wolrd Economic Outlook. Il pil mondiale crescera’ quest’anno del 3,6% e nel 2015 del 3,9%, con ambedue i dati sono stati limati al ribasso di 0,1 punti percentuali rispetto alle stime di ottobre 2013. A tirare la crescita sono le economie avanzate.