Prima telefonata tra Conte e Johnson. I due capi di governo hanno parlato di Brexit e ambiente. L’Italia impegnata a tutelare cittadini e imprese che si trovano nel Regno Unito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha ricevuto questo pomeriggio una telefonata dal primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson. Conte, riferisce una nota di Palazzo Chigi, “si è congratulato con Boris Johnson per la recente nomina a Primo Ministro britannico e si è detto pronto a lavorare insieme per rafforzare ulteriormente le già eccellenti relazioni tra l’Italia e il Regno Unito”. I due capi di Governo hanno avuto un breve scambio di vedute sul dossier Brexit. “Il Premier Johnson – riferisce ancora Palazzo Chigi – ha confermato il suo impegno per tutelare i diritti dei cittadini italiani che vivono nel Regno Unito e il suo obiettivo di uscire dall’Ue in ogni caso il 31 ottobre 2019. La sua preferenza resta per un’uscita con accordo, che tuttavia non preveda il cosiddetto ‘backstop’ sul confine irlandese”. Conte ha ribadito a Johnson “l’impegno italiano a lavorare, in maniera costruttiva, per l’obiettivo di una Brexit ordinata, che tuteli cittadini e imprese, in linea con il mandato e gli orientamenti del Consiglio europeo”. “I due leader – riferisce Palazzo Chigi nella nota – hanno infine rinnovato l’impegno a promuovere il più alto livello di ambizione possibile per la prossima COP26 (26esima Conferenza delle Parti alla Convenzione delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico), nell’ambito dell’accordo di partenariato con il quale i due Paesi si candidano ad ospitare gli eventi preparatori e il Summit che si terrà a fine 2020. I due Premier si sono salutati con reciproco invito a farsi visita”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA