Primarie Pd, i renziani fanno il pieno. Ma l’affluenza è da incubo in casa dem

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nella Capitale tutto come previsto nelle primarie del Pd con la vittoria di Roberto Giachetti. A Napoli non riesce il miracolo ad Antonio Bassolino che viene sconfitto da Valeria Valente. Insomma una vittoria per i candidati della maggioranza dem. Anche se c’è da sottolineare che il premier, Matteo Renzi, su Giachetti e Valente non è che ci abbia messo proprio la faccia essendosi preoccupato soltanto delle primarie milanesi. A Trieste vittoria per Roberto Cosolini. “Siamo molto soddisfatti: c’è stato un bel segnale di partecipazione e passione. Ora andiamo a vincere”, ha dichiarato il vicesegretario Lorenzo Guerini.

IL VOTO – Netta la vittoria di Giachetti che ha ottenuto il 64% contro il 27% di Morassut, il suo principale antagonista. A Napoli partita più equilibrata con il 46% della Valente contro il 40% di Bassolino. A Trieste, invece, Cosolini vince con il 65% dei voti. A Bolzano vittoria per Caramaschi, mentre a Grosseto la vittoria è andata  Lorenzo Mascagni. Altissima l’affluenza a Benevento dove con il 66% dei voti ha vinto Raffaele Del Vecchio. Probabilmente ci si aspettavano più votanti complessivamente in casa dem ma ora si canta vittoria lo stesso. “In centomila – è il bilancio del capogruppo Pd Ettore Rosato – hanno partecipato. Altri si accontentano di qualche click o mostrano una frammentazione totale senza un’idea”. Il riferimento implicito è da un lato ai 5 Stelle, che hanno scelto Virginia Raggi a Roma con 3862 votanti, dall’altro alla destra. Nella capitale la partecipazione è dimezzata rispetto alle primarie del 2013 (furono 100mila, ora sono stimati 50mila).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA