Prove di dialogo sull’asse Pd-Mdp. Renzi raccoglie parzialmente l’invito di Speranza: “Discutiamo di cose concrete”. Ma sul Rosatellum non si tratta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si riapre, almeno pare, il dialogo tra Pd e Mdp. A lanciare l’invito è stato il leader di Mdp, Roberto Speranza, che in un’intervista a Repubblica ha lanciato un invito al confronto a Matteo Renzi. Invito raccolto parzialmente dal segretario del Partito democratico che però ha chiuso a trattative sulla legge elettorale.

La risposta di Renzi è arrivato nel corso della trasmissione Mezzo’ora in più: “Bisogna essere molto chiari: ma come, verrebbe da dire, dopo tutto quello che ci avete detto… come potete pensare di dialogare? Io però voglio vedere il bicchiere mezzo pieno e guardo all’apertura: se è seria, bene. Discutiamo di cose concrete: sulla legge elettorale e le preferenze si è fatto un accordo con tanti partiti, anche dell’opposizione, e ora rimettere in discussione il Rosatellum è molto difficile. Ci chiedono di non porre la fiducia al Senato dopo quella a Montecitorio? Come alla Camera lo ha deciso Paolo Gentiloni parlando con i capigruppo, così al Senato lo deciderà il premier parlando con i capigruppo”.

Più entusiasta è il ministro della Giustizia nonché esponente della minoranza dem, Andrea Orlando: “Da Roberto Speranza è arrivata una importate e inedita apertura. Sono apprezzabili, infatti, sia i toni, sia il terreno che viene proposto per il confronto. Credo che il Pd, in ottemperanza a quanto deciso nell’ultima direzione nazionale, debba dare immediata disponibilità al confronto, fissando sin dalle prossime ore un incontro dei vertici dei nostri gruppi con quelli di Mdp”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA