Psicosi in volo. Dopo la strage in Sinai pure gli Stati Uniti potenziano i controlli. Verifiche pure sui dipendenti degli aeroporti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La paura fa 90. E dopo l’allarme terrorismo scatenato dopo che l’aereo russo è precipitato in Sinai l’allarme è scoccato anche negli aeroporti americani. L’amministrazione a stelle e strisce, infatti, ha chiesto di rafforzare i controlli sul personale degli scali aerei che ha libero accesso alle zone prive di sorveglianza. Il timore è che non possano bastare le misure d’emergenza già prese in passato, e costate miliardi, per rafforzare i controlli sui passeggeri. L’attenzione ora si è spostata sui dipendenti stessi degli scali, Si parla di 900 mila dipendenti in oltre 450 aeroporti americani. La Russia intanto conferma la sospensione di tutti i voli sull’Egitto e, a quanto pare, potrebbe durare anche alcuni mesi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA