Quando il sesso è un’ossessione. Sembra piacere ma è malattia. La dipendenza dall’eros segno di disordine mentale. L’Oms: grave come l’abuso di droga e videogame

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Essere dipendenti dal sesso non sempre significa essere promiscui e leggeri. O almeno, da ieri non più. Gli schiavi dell’amore hanno solo un disordine mentale che li istiga a compiere certe azioni. Perché se il sesso è un piacere che amano concedersi quasi tutti, per alcuni diventa una vera e propria malattia, e non stiamo affatto esagerando. Ne è convita l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) che ha inserito la dipendenza proprio come distrubo mentale. Ci sono infatti persone che vivono degli eccessi sessuali ma sono in grado di controllarli: questi, anche se abusano della propria sessualità o passano dei periodi di eccessi sessuali, imparano a regolare il proprio comportamento a livelli più accettabili. Al contrario, chi sviluppa una dipendenza sessuale non riesce a controllare i propri impulsi, a contenerli, così che persistono comportamenti pericolosi e autodistruttivi.

Come lo shopping – La dipendenza sessuale rientra nella categoria delle “dipendenze senza droga”, cioè di comportamenti patologici che coinvolgono oggetti o attività apparentemente innocue, come il cibo, il gioco d’azzardo, il lavoro, lo shopping e la sessualità. Così, come per un tossicodipendente, anche nel soggetto che presenta un problema di dipendenza dal sesso si va incontro al fenomeno del craving (intenso desiderio della cosa dalla quale l’individuo dipende), dell’assuefazione e a sintomi di astinenza. I comportamenti che i dipendenti sessuali possono mettere in atto sono i più svariati e possono includere: promiscuità sessuale, sesso con prostitute o prostituzione personale, continue fantasie sessuali, masturbazione compulsiva, esibizionismo, voyeurismo, pratiche di tipo sadomasochistico, dipendenza da materiali a carattere pornografico. In questa patologia, il sesso diviene un’esigenza primaria per il quale tutto il resto può venire sacrificato, inclusi la salute, la famiglia, gli amici e il lavoro. Come in tutte le dipendenze, infatti, il soggetto tende a isolarsi, ad allontanare gli altri, a stravolgere persino il proprio carattere. La dipendenza dal sesso ha quindi un profondo impatto sulla vita emotiva della persona, che sperimenta un incremento dell’ansia, inadeguatezza, colpa, vergogna, depressione e aggressività e può avere profondi effetti anche sui processi mentali.

Troppi fallimenti – Tanti deteriorano progressivamente i propri rapporti affettivi e relazionali e presenta gravi problemi di coppia. Da diversi anni è in atto un ampio dibattito scientifico sulla classificazione nosologica della dipendenza sessuale: gli esperti si domandano se sia collocabile all’interno del disturbo ossessivo-compulsivo o del disturbo del controllo degli impulsi. Ora finalmente gli esperti sembrano aver trovato un accordo: per la prima volta anche il “disordine sessuale compulsivo” entra a far parte delle malattie riconosciute dall’Oms nella categoria dei problemi mentali. Secondo la nuova definizione contenuta nell’International Classification of Diseases, che entrerà in vigore ufficialmente nel 2022 dopo l’accettazione dell’assemblea dell’Oms, il disordine compulsivo sessuale è “caratterizzato da uno schema di fallimenti nel controllare impulsi sessuali intensi e ripetitivi, che sfociano in comportamenti sessuali ripetuti”. I sintomi “possono includere il fatto che le attività sessuali diventino centrali nella vita della persone al punto da far trascurare pure la salute.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA