Ultime promesse!!! Renzi rivede i numeri su Pil, manovra e debito. E come la Pennetta annuncia il ritiro (tra due legislature)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non è chiaro se la fiducia espressa dal premier, Matteo Renzi, sia frutto della convinzione o solo di una strategia politica in vista delle prossime battaglie al Senato che si preannunciano tutt’altro che scontate. Fatto sta che il presidente del Consiglio ha rivisto le stime del Pil al rialzo per il 2015: “Dallo 0,7 allo 0,9%”. Una serie di annunci che arrivano nel corso dell’intervista rilasciata nella puntata di stasera di Otto e Mezzo su La7. Per quanto riguarda la legge di stabilità Renzi ha spiegato che “Ci sarà una manovra finanziaria da circa 27 miliardi di euro e non ci sarà nessuno sforamento di conto. Anzi, dal prossimo anno scende il debito”. Sempre per restare ai temi economici, Renzi ha spiegato che verranno utilizzate, e non del tutto, le clausole di flessibilità. “Noi non sforiamo come fece invece la Germania nel 2003”, ha detto Renzi, “E allora venne autorizzata da Berlusconi. Noi non sforeremo”.

Entrando in temi più politici il premier non si è lasciato sfuggire l’occasione per rispondere a Massimo D’Alema: “Escludo di lasciare la segreteria del Pd. Io farò al massimo due legislature. Se mi rieleggeranno, sarà l’ultima”. Sull’immigrazione tira le orecchie all’Europa: “Io, sull’immigrazione, non ho mai visto l’Europa unita e ci ho fatto nottate: a luglio l’Italia con poche partnership, come Malta, era a dire di smettere di pensare che fosse solo il problema di pochi Paesi. C’è tanta strada da fare. Ma sembra che finalmente i colleghi Ue si siano convinti di tre cose insieme: centri di identificazione, politica di rimpatrio ma è fondamentale anche la cooperazione internazionale”. A chi, invece, lo accusa di aver utilizzato un volo di Stato per andare a vedere la finale di Tennis degli Us Open Renzi risponde: “Fosse stato calcio nessuno avrebbe detto nulla. Invece era tennis e in più tennis femminile. Due giovani donne del Sud che arrivano ad una finale del Grande Slam è una cosa talmente grande e straordinaria”.