La Raggi sfratta i clan. Nel mirino della sindaca di Roma 71 immobili confiscati alla criminalità organizzata. Saranno utilizzati a beneficio della collettività

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Settantuno immobili confiscati alla criminalità organizzata sono stati ufficialmente richiesti dal sindaco Virginia Raggi che intende utilizzarli a beneficio della collettività. Si tratta di abitazioni, magazzini, negozi, box e perfino terreni adatti all’agricoltura, dislocati sull’intero territorio della capitale e che, secondo le intenzioni della prima cittadina, come si legge in un post sulla propria pagina Facebook, potrebbero essere destinati per numerose attività di pubblico interesse. In primo luogo all’accoglienza e al supporto dei bisognosi, delle donne vittime di violenza e delle famiglie in difficoltà, ma anche per la promozione culturale e sociale. La richiesta del sindaco è però solo la prima tranche di un piano più ampio che, nei prossimi mesi, porterà a nuove ed analoghe richieste che saranno, volta per volta, tarate in base alle esigenze del territorio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA