Raggi sulle spine. L’interrogatorio di Marra tiene i Cinque Stelle sul filo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Restano agitate le acque dalle parti del Campidoglio. Per quanto sul colle romano la sindaca Virginia Raggi cerchi di ostentare una certa tranquillità. E lo stesso accade per il Movimento Cinque Stelle sempre più spaccato sul caso Raggi. Una spaccatura resa ancor più evidente dai silenzi degli ortodossi, mentre big come Luigi Di Maio non hanno lesinato parole a sostegno della prima cittadina. Diciamo che la giornata odierna è trascorsa secondo il canovaccio deciso tra Genova e Milano. Che poi è sempre lo stesso: difendere la prima cittadina. Dietro le apparenze, però, l’agitazione è alta.

Sulle spine – L’interrogatorio fiume della Raggi, infatti, è archiviato,  ma l’inchiesta per abuso d’ufficio e falso riguardo la nomina  del fratello del suo ex braccio destro, Raffaele Marra, a capo del Dipartimento capitolino al Turismo, è tutt’altro che chiusa. I riflettori, infatti, adesso sono puntati sull’interrogatorio proprio dell’ex capo del personale. Marra dovrebbe essere ascoltato dai pm romani Paolo Ielo e Francesco Dall’Olio già in questo fine settimana o al più tardi nella prossima. Parlerà ai magistrati oppure, come è trapelato oggi, si avvarrà della facoltà di non rispondere? Nel frattempo, a tenere vivo anche  l’affaire polizze ha parlato Salvatore Romeo. Mentre l’inquilina del Campidoglio non ha ancora deciso se denunciare o meno il suo ex capo della segreteria, Romeo dai microfoni di Agorà ha preso le distanze da Raffaele Marra: “Mi fidavo, l’ho introdotto io nel M5s”. Non senza aggiungere: “Se sono pentito? Pentito è un eufemismo”. Da Romeo, quindi, la secca smentita delle polizze quali forma di finanziamento politico: sono “forme di investimento, non eccessivamente rischiose – ha rimarcato  – più o meno remunerative”.  Insomma, la versione già sostenuta dalla sindaca. Che, oltre ai complimenti del blog sui risultati del Campidoglio, ha incassato pure quelli del vicepresidente della Camera, Di Maio che crede sia “molto brava”. E soprattutto  “Un sindaco coraggioso che sta provando a invertire la rotta, a disincagliare una nave Roma dalle secche”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA