Rai, i politici cancellano l’antipolitica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Fuori la lottizzazione dei politici dalla Rai. Tutti si riempiono la bocca di buoni propositi. A cominciare proprio dai politici. Ma in realtà è più facile che il prossimo scudetto lo vinca il Chievo piuttosto che la politica esca dalla Rai. Tanto alla fine quando si tratta di distribuire poltrone o di far fuori qualche conduttore scomodo e non allineato, ecco che i politici tornano prepotentemente alla ribalta. Come una droga dalla quale non se ne esce. In Rai “l’ultima parola” (è proprio il caso di dirlo) ce l’hanno sempre i politici. Qualsiasi sia il direttore generale o il presidente di Viale Mazzini. Dai nuovi palinsesti è stata cancellata la trasmissione del venerdì su Raidue in seconda serata, reduce da una stagione invidiabile con ascolti (share 12-15%) nettamente superiori alla media della rete (sotto il 10%). Un crescendo di popolarità dovuto alla scelta del conduttore Gianluigi Paragone, scaltro nel capire e cavalcare l’antipolitica. Ha riscosso consensi, soprattutto dagli imprenditori delle piccole e medie imprese tartassati dalla crisi economica. Si è inventato un talk diverso, con un’anteprima che l’ha visto imbracciare la chitarra, suonare e cantare per introdurre gli argomenti di ciascuna puntata. Ha rindossato l’orecchino, ha dato spazio ai blogger, ha rispolverato la macchietta di Carcarlo Pravettoni. Ha tartassato gli inamovibili e i collezionisti di poltrone. Ha osato attaccare anche i poteri forti, criticando aspramente perfino il presidente Napolitano. E allora? Poteva rimanere in sella al Cavallo con la sua trasmissione? No. Perché in Rai non hanno nessuna intenzione di santorizzare qualche altro conduttore. Di farne un nuovo martire. E i politici, a cominciare dai più potenti, meno che mai. Quindi non è affatto da escludere il fatto che siano arrivate pressioni dal Colle e dal Pdl (che considera Paragone un traditore). Non a caso i beni informati parlano di un incontro tra Gasparri, Romani, Gubitosi e Verro dove si è parlato anche di Paragone.

E alla fine L’ultima parola diventerà una trasmissione di tendenza per i giovani, con musica e conduzione affidata sempre a Paragone che però non parlerà più né di politica né di antipolitica. Dal nome L’ultima nota (o qualcosa del genere). Con il vicedirettore generale Marano e il direttore di rete Teodoli che hanno saputo del cambio di “destinazione d’uso” soltanto a cose fatte.

@marcocastoro1