Rai, scoppia il caso Mara Venier

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

Ormai sembra certo che Mara Venier la bionda conduttrice del programma quotidiano di Daniel Toaff La vita in diretta sarà fuori dalla programmazione Rai del prossimo autunno-inverno 2013-2014. L’indiscrezione lanciata da Lanotiziagiornale è stata confermata da Tv blog e da un “cinguettio” del marito della Venier, l’ex produttore Nicola Carraro che su twitter a quanti (e sono stati tantissimi) si sono risentiti per il cambio di conduzione, ha risposto così “Nella vita non c’è solo la tv. Fortunatamente noi abbiamo anche altro”. Ma come mai Mara, considerata nelle grazie dei dirigenti Rai, è precipitata nella cosiddetta “Black list”? I bene informati raccontano che lo sponsor della Venier è sempre stato il consigliere Antonio Verro, colui che ha fortemente voluto anche Marco Liorni e Lorella Cuccarini a Domenica in. A riportare in video la Venier, dopo la brutta storia della lite Zequila-Pappalardo che le era costata un esilio di 4 anni da Viale Mazzini, era stato proprio Verro in accordo con l’ex dg Mauro Masi, amicissimo della coppia Carraro. Con l’arrivo di Lorenza Lei, Mara aveva resistito sempre grazie a Verro, ma ora, uscito il consigliere dal cda Rai, le sue quotazioni sono da mesi al ribasso. Si dice che al dg Luigi Gubitosi non piaccia quell’aria troppo familiare da “volemose bene” che regna nel salotto tv della Venier e che gli piacerebbe invece dare una grafica e una versione più elegante al prodotto del day time di Raiuno che già totalizza un grande ascolto. Giancarlo Leone più noto su twitter come @giankaleone è segretamente al lavoro. Chi andrà dunque al posto di Mara e di Marco Liorni?
Si dice che traslocherà da Unomattina Franco Di Mare a cui si affiancherà un volto giovane femminile.
Chi si agita molto per uscire dalla conduzione attuale di Linea verde è la veneta Eleonora Daniele, stimata da molti nel Pdl, a cominciare dal sindaco di Roma Gianni Alemanno. Per Alemanno, la conduttrice ex inquilina del Grande fratello, per lunghe stagioni alla guida di Unomattina, ha moderato qualche evento anche quando l’esponente Pdl non era in Campidoglio. Ora però le quotazioni del sindaco, specialmente dopo l’arresto di Riccardo Mancini, ex a.d. di Eur Spa e suo fedelissimo, a causa della presunta mazzetta di 800mila euro per l’appalto di 45 filobus di Roma metropolitana, sono al ribasso.
Cresce, al contrario, Miriam Leone, anche lei apprezzata professionalmente da Mauro Masi e oggi presente con vari contratti e conduzioni nel ventre di “mamma Rai”: da Unomattina week end dell’onnipresente Michele Guardì a Rai Movie passando per fiction Mediaset e altro. Per Miriam non ci sono esclusive che tengano, lei può lavorare dovunque, forte del suo ascendente presso gli “alti vertici” dell’azienda!
E pensar che la povera Mara aveva chiesto una liberatoria per fare il giudice di Amici12 ( 50mila euro a puntata era la cifra ufficiosa che circolava nel web) e ha dovuto incassare un “picche”.
Ora al suo posto dovrebbe andare la sua amica Sabrina Ferilli. Meno male che loro sono tutte amiche della stessa grande famiglia, all’ultimo compleanno di Mara c’erano la Ferilli con il compagno Flavio Cattaneo, ex dg Rai, Simona Ventura con il fidanzato Gerò Carraro, figlio di Nicola, marito della Venier e altri oltre alla coppia più in auge in Rai in questo momento, quella formata da Lucio Presta, agente di Mara e della Cuccarini (anche lei in fase di addio a Domenica in?) e da Paola Perego.
Anzi, volete sapere quale è il nome più accreditato per sostituire Mara a La vita in diretta? Paola Perego.
Se così fosse, visto che Paola vuole a tutti i costi un programma quotidiano, Mara se ne farebbe una ragione: l’importante per le star è che tutto resti in famiglia…

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA