Rapina Selvaggia. Chiesto un anno di reclusione per Selvaggia Lucarelli per le foto vip rubate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un anno di carcere per Selvaggia Lucarelli, un anno e due mesi per Gianlulca Neri (alias Macchianera) e dieci mesi per Guia Soncini nell’ambito del processo per le “foto rubate”. Questo è quanto chiesto dal pm di Milano, Grazia Colacicco. Al centro dell’inchiesta ci sono 191 fotografie scattate durante la festa per il 32esimo compleanno di Elisabetta Canalis (12 settembre 2010) nell’elegante Villa Oleandra del suo allora fidanzato George Clooney, sul lago di Como: tra gli invitati c’erano Scarlett Johansson, Sandra Bullock e Mara Venier. Gli imputati, secondo la Procura, una volta entrati in possesso delle immagini avrebbero tentato di venderle tramite il fotografo Giuseppe Carriere (prima indagato e poi archiviato) al settimanale Chi, non riuscendo però a concludere l’affare perché qualcuno avrebbe allertato Elisabetta Canalis, che aveva sporto denuncia al commissariato Garibaldi-Venezia di Milano.

“La versione resa da Selvaggia Lucarelli alla polizia giudiziaria durante le indagini – ha detto il pm durante la requisitoria – non è verosimile. Dice che non è stata coinvolta nella trattativa ma allora quello che dicono Carriere e Alfonso Signorini (direttore di Chi, ndr) sarebbe una calunnia nei suoi confronti”. Le accuse per i tre blogger e giornalisti sono, a vario titolo, concorso in intercettazione abusiva, detenzione e diffusione di codici di accesso, accesso abusivo a sistema informatico, violazione della privacy.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA