Rebus Governo, Salvini: “La battuta di Berlusconi non cambia nulla ma basta veti, altrimenti si vota”. E a Roma spunta un nuovo murales…

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo le fibrillazioni di ieri, complice la performance del Cav al Quirinale dopo l’incontro dei leader del Centrodestra col capo dello Stato, Matteo Salvini chiarisce: “La battuta di ieri di Berlusconi? Non cambia nulla. Sono più attento alla sostanza che alla forma. Noi siamo pronti. Certo, ci sono due veti contrapposti di M5s e Forza Italia. Io chiedo a tutti di essere responsabili. Se continua così, se continuano a bisticciare, si stuferanno gli italiani, mi stuferò io e – ha detto il segretario della Lega a Radio anch’io su Radio1 – tra un mese si tornerà alle urne, quindi: o la smettono o si vota”.

Intanto, mentre al Colle va in scena la seconda e ultima giornata di consultazioni, un murales su carta raffigurante il quadro ‘I bari’ di Caravaggio ma con le facce di Salvini, Di Maio e Berlusconi è apparso nella centrale via dei Lucchesi, a Roma. La stampa, firmata ‘Sirante’, è stata scoperta di Carabinieri di piazza Venezia che hanno inviato un’informativa in Procura. Il murales, con tanto di cornice, è stato già rimosso dal servizio Decoro del Comune di Roma.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA