Recovery plan, Gualtieri: “La bozza del testo martedì in Consiglio dei ministri. Il confronto ha permesso di migliorare l’impostazione e rafforzare coerenza e visione strategica”

ROBERTO GUALTIERI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una crisi di governo con un’emergenza sanitaria ed economica aperta “sarebbe incomprensibile”, anche perché “il dialogo con i partiti di maggioranza è stato molto utile, ha permesso di migliorare l’impostazione e rafforzare coerenza e visione strategica” del Recovery plan. Ad affermarlo, in un’intervista al Corriere, è il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. “Su questa base – ha spiegato l’esponente dell’Esecutivo – ora si sta finalizzando la revisione del testo. Auspico che martedì sia approvata dal Consiglio dei ministri per poi avviare subito il confronto con il Parlamento, con le forze sociali e con la Commissione europea. Dobbiamo concludere il lavoro nei tempi previsti. Ricordo che subito dopo questo passaggio il governo sarà chiamato ad altri interventi importanti: lo scostamento di bilancio e il nuovo decreto sui ristori. Sono indispensabili e urgenti, soprattutto alla luce della necessità di proseguire con le misure restrittive di contenimento della pandemia. Non vanno messi a rischio”. Quanto vale lo scostamento? “Stiamo valutando un intervento da un punto e mezzo di Pil”, ossia circa 24 miliardi, di cui, spiega il titolare dell’Economia, “circa un miliardo e mezzo per l’acquisto, la distribuzione e la somministrazione dei vaccini. Sulla Sanità nel provvedimento in arrivo sono previsti nel complesso più di tre miliardi supplementari”. Circa le prospettive economiche del Paese, Gualtieri risponde: “Ci aspettiamo che i primi mesi dell’anno risentano negativamente dell’andamento della pandemia, e nel complesso i rischi per la previsione sono al ribasso. Però riteniamo ancora che il Pil possa recuperare parte della caduta registrata nel 2020”.