Referendum della discordia. Tre delle nove Regioni che lo hanno proposto ci hanno già ripensato. Ecco i Governatori che hanno cambiato idea

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Una partita che più politica non si può. Tanto che il voto sul referendum anti-trivelle si è trasformato in una consultazione pro o contro Matteo Renzi. Il premier è il noto leader del fronte dell’astensionismo con spalla l’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Lo stesso che quando era al Quirinale per i referendum del 2011 diceva “Io, un elettore che fa sempre il suo dovere”. Questione di mancata coerenza o di opportunità politica? Chissà. E, allora, perché non chiederlo anche ai governatori di Campania, Molise e Sardegna che qualche mese fa hanno sottoscritto un referendum che ora non andranno a votare o per cui andranno ad esprimere un parere contrario? Si dà il caso infatti che quello sulle trivelle è il primo referendum della storia d’Italia ad essere stato richiesto dai Consigli regionali. Ne bastano cinque, questo è stato condiviso da nove Regioni (Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna e Veneto). Inizialmente erano stati addirittura 10 i Consigli regionali ad aderire all’iniziativa. Salvo poi il ripensamento della regione Abruzzo che, guidata dal renzianissimo Luciano D’Alfonso, si è tirata indietro.


IL FRONTE RENZIANO –
 Il primo governatore della lista anti-referendum è Vincenzo De Luca. Il presidente campano condivide per filo e per segno le parole della coppia Renzi-Napolitano: “Referendum inutile”. Per De Luca, però, evidentemente esistono trivelle e trivelle tanto da essere pronto ad andare allo scontro con il Governo se a qualcuno venisse in mente di toccare le coste della sua amata Campania: “Se qualcuno mi proponesse di fare trivellazioni ad Ischia, nel Cilento o nell’area di Caposele, io farei la guerra”. Tanto meglio per ora salvaguardare il legame con Renzi. Si recheranno invece alle urne i governatori di Sardegna e Molise, Francesco Pigliaru e Paolo di Laura Frattura, ma voteranno “No”. Contestatissima in terra sarda la linea del governatore che prima ha sottoscritto i quesiti (erano sei, ma visto che cinque sono stati recepiti nella legge di Stabilità ne è rimasto uno soltanto) e, poi, dopo una capriola ha affermato: “Tenere aperti gli impianti che esistono oggi nel mare e consentire di andare avanti fino all’esaurimento dei giacimenti credo sia una scelta ragionevole”. Spostandoci al Molise l’ora renziano Frattura afferma: “Mi sento soddisfatto del risultato che abbiamo raggiunto col Governo”. Insomma meglio tenere il piede in due scarpe. Alle urne si recherà anche il presidente della Basilicata, Marcello Pittella: “Sono un renziano, ma andrò a votare. Non posso accettare, però, chi strumentalizza la questione a livello politico”. E allora meglio non esprimersi nel merito della questione.

GLI ANTI-TRIV – Il fronte del “Sì” è guidato, invece, da Michele Emiliano. Il governatore pugliese è da tempo in prima linea. Tanto che molti lo hanno etichettato come il vero anti-Renzi all’interno del Pd. Presidente di regione che fa riferimento all’area della minoranza dem è anche Mario Oliverio. Il presidente della Calabria, da sempre vicino all’ala bersaniana, è tra i sostenitori del “Sì”. Come anche il marchigiano del Pd Luca Ceriscioli: “Nella legge di Stabilità 2016 il Governo ha inserito diverse richieste dei Consigli regionali. Ne manca una. Ecco perché andrò a votare a favore”. A favore del referendum anche i due presidenti di regione del centrodestra Giovanni Toti (Liguria) e Luca Zaia (Veneto). Proprio il governatore veneto è tra i principali sostenitori del “Sì”. E per sostenere le argomentazioni prova a entrare nel dettaglio della questione energetica: “Il gas che si estrae dalle piattaforme oggetto di referendum è l’1% del fabbisogno nazionale, mentre il biometano (che non richiede la devastazione del mare) copre già il 13% di quanto ci serve. E allora”, suggerisce Zaia, “perché non facciamo come la Germania che nel 2030 ricaverà il 50% della sua energia da fonti rinnovabili?”. Ma l’ultima parola spetta agli italiani.