Referendum, Di Maio: “Tagliando i parlamentari si può avere una nuova legge elettorale e si possono ridurre gli stipendi di tutti i politici”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“‘Se passasse il No nulla verrebbe più cambiato, solo con il SÌ ci resta la speranza’. Ad affermarlo non è un esponente del MoVimento, ma la costituzionalista Lorenza Carlassare. E ha perfettamente ragione. Solo votando SÌ al referendum per la riduzione di 345 parlamentari, riusciremo poi a tagliare anche gli stipendi di tutti gli altri politici. Solo votando SÌ il 20 e il 21 settembre riusciremo a cambiare l’Italia, ad avere una nuova legge elettorale e a normalizzare il nostro Paese”. Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. “Oggi – aggiunge – abbiamo il più alto numero di parlamentari eletti di tutta Europa. Paghiamo 300mila euro al giorno per mantenere 345 seggi inutili, 345 maxi-mensilità, pensioni e privilegi che gli altri Stati non hanno. Perché dobbiamo rimanere indietro? Perché non possiamo finalmente scegliere di cambiare? Io voto Sì”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA