Referendum, questo confronto non s’ha da fare. Il Tg2 non manda in onda il faccia a faccia tra Meloni e Verdini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Meno di due settimane al voto sul referendum costituzionale e le polemiche continuano imperterrite. L’ultima è nata oggi dopo la denuncia di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia. La Meloni, infatti, aveva partecipato a una faccia a faccia sul referendum con Denis Verdini, guida del movimento Ala.

Ma questo confronto tra un esponente del No e il l’ex braccio destro di Silvio Berlusconi ora schierato con Matteo Renzi e il Sì al Referendum Costituzionale, non è andato in onda su Rai2 e “mai ci andrà…”. A denunciarlo è la stessa Meloni: “Sono basita, è assurdo – racconta al Fatto Quotidiano – una roba del genere non si era mai vista”.

E racconta la vicenda: “Qualche settimana fa vengo contattata dal Tg2, mi chiedono la disponibilità per un confronto sul referendum da trasmettere alla fine del telegiornale: otto minuti di trasmissione, quaranta secondi a testa per ogni risposta. Un esponente del Sì contro uno del No. E scopro che il mio avversario in tv è Denis Verdini. Accetto con molto piacere visto che raramente va in tv, seppure sia uno dei responsabili di questo referendum…”.

E continua: “Una volta terminata la registrazione mi dicono che andrà in onda pochi giorni dopo, ma passano settimane… Passano due settimane e ricevo una telefonata dalla redazione del Tg2 dove mi spiegano che c’è stato un problema… Che devono cambiare palinsesto, che hanno registrato troppi confronti e qualcuno è da tagliare”.

E la Meloni a questo punto accusa: “A mio avviso in Rai c’è qualcuno che interviene sulla programmazione e dice: questo va bene e questo no. Verdini lo vogliono tenere nascosto, altrimenti come si fa ad accusare gli altri di accozzaglia?”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA