Regali onorevoli. Il codice sarà pure etico, ma intanto Montecitorio alza l’asticella: consentiti i regali per i deputati fino a 250 euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Regali, regali, regali. Codice etico sì ma neanche tanto. I nostri parlamentari, infatti, proprio non ce la fanno a stare senza doni. E allora ecco che ieri è stato innalzato, anche se di poco, il limite a riguardo ai nostri deputati. La Giunta del Regolamento della Camera ha dato il via libera al codice di condotta per i deputati. Approvato con una sola astensione del rappresentante del M5S (l’unico presente ieri in Aula), è improntato alla “massima trasparenza” visto che i parlamentari dovranno rendere noti tutti i loro interessi finanziari e tutte le cariche ricoperte anche prima di essere stati eletti a Montecitorio.

Ma ciò che colpisce è che nel regolamento si stabilisce che i deputati debbano astenersi dal ricevere doni superiori ai 250 euro, al posto dei 200 consentito finora. Ogni atto non conforme viene pubblicato sul sito della Camera dei deputati e ne viene fatta menzione in Assemblea. Il codice istituisce inoltre un comitato consultivo che supervisiona l’applicazione delle norme, fornisce, su richiesta dei deputati, l’interpretazione delle norme e redige una relazione annuale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA