Regeni, dai tabulati telefonici spuntano i nomi di altri 007 egiziani. Per i pm italiani hanno avuto un ruolo nel caso insieme ai 5 agenti già indagati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Almeno altri cinque agenti, appartenenti agli apparati della sicurezza egiziana, sono sospettati di aver avuto un ruolo nel sequestro e nella morte di Giulio Regeni, il ricercato friulano ucciso al Cairo nel febbraio 2016 dopo essere stato torturato per 7 giorni. E’ quanto si apprende all’indomani dell’infruttuoso confronto in videoconferenza tra i magistrati italiani e quelli egiziani. Si tratta di cinque colleghi degli ufficiali già iscritti nel registro degli indagati nel dicembre 2018 dal pm romano Sergio Colaiocco. I nomi dei nuovi agenti, tutti appartenenti alla National Security, sono emersi in seguito all’analisi compiuta dagli investigatori del Ros e dello Sco sui tabulati telefonici forniti nei mesi scorsi dalle autorità egiziane. Ai cinque 007 si fa riferimento anche nella rogatoria, inoltrata a maggio dello scorso anno alle autorità egiziane, nella parte in cui si chiedeva di “mettere a fuoco il ruolo di altri soggetti della National Security che risultano in stretti rapporti con gli attuali cinque indagati”.