Regionali, impresentabili a vele spiegate. La lista dell’Antimafia fa il solletico a lady Mastella e agli altri che conquistano 45mila voti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La lista dell’Antimafia ha fatto rumore ma poco più. L’unico effetto che ne consegue è la spaccatura all’interno del Partito democratico. Perché la lista non è riuscita in alcun modo a bloccare la corsa degli impresentabili. Vincenzo De Luca a parte, eletto governatore in Campania e ora in attesa degli effetti della Severino, gli altri 15 hanno ottenuto una marea di preferenze. Complessivamente 45 mila. Rosy Bindi si può mettere l’animo in pace. La lista non è servita a niente. Se l’obiettivo era quello di fermare la corsa.

Lady Mastella ottiene 10 mila voti di preferenza anche se non basta per tornare a sedersi in Consiglio regionale. Altrettante preferenze anche per Alberico Gambino (Fratelli d’Italia). I candidati presenti nella black list hanno ottenuto 43 mila voti solo in Campania. I candidati campani segnalati nella blacklist sono 9 nel centrodestra e 2 nel centrosinistra. Il resto degli impresentabili proveniva dalla Puglia.