Regione Lombardia e l’appalto dei vaccini alla società segnalata da Anac per tangenti

regione lombardia ATTILIO FONTANA
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Regione Lombardia ha dato un appalto a una società segnalata da Anac per tangenti per costruire il suo portale vaccinale. Proprio quel portale che in questi giorni ha portato disagi alla popolazione amministrata dal governatore leghista Attilio Fontana. La società di chiama Engineering Ingegneria Informatica e l’amministratore unico di Aria Lorenzo Gubian ha detto che l’appalto è stato affidato l’8 febbraio 2021. Ovvero 19 giorni dopo il warning di Anac.

Regione Lombardia e l’appalto dei vaccini alla società segnalata da Anac per tangenti

L’appalto per il portale delle vaccinazioni è costato 22 milioni di euro. Il 23 giugno 2020 la procura di Milano, racconta il Fatto Quotidiano, ha arrestato 13 persone. Con l’accusa di aver creato un sistema di alterazione di gare indette da Atm, l’azienda dei trasporti milanese. Il funzionario Atm Paolo Bellini aveva falsato almeno 8 gare: secondo l’accusa, alcuni fornitori avrebbero pagato tangenti. E tra gli arrestati ci sono anche quattro manager di Engineering Ingegneria Informatica. Che davano uno “stipendio di mille euro” a un dirigente. E gli avrebbero promesso altri 120mila euro in cambio di informazioni segrete sulle gare di Regione Lombardia.

“È una scelta incomprensibile”, commenta la presidente della commissione regionale Antimafia e anticorruzione, Monica Forte: “Quando si maneggiano soldi pubblici, si deve assicurare la massima traspa renza”¸“Dopo aver ripetuto che Aria è un carrozzone, possiamo dire che è anche un appaltificio da miliardi di euro e non si capisce cosa ci stiano a fare 500 dipendenti se è tutto in appalto”, aggiunge l’M5s Marco Fumagalli.

Leggi anche: Verso un nuovo lockdown fino al 30 aprile: Italia chiusa fino a maggio 2021. Il silenzio di Salvini messo a cuccia da Draghi

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA