Registro delle opposizioni sui cellulari: cos’è, da quando funziona e come iscriversi?

Registro delle opposizioni sui cellulari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Registro delle opposizioni sui cellulari: tra non molto sarà possibile per i consumatori poter decidere di non ricevere più sui proprio smartphone le indesiderate telefonate dai call center.

Registro delle opposizioni sui cellulari: cos’è

Tra non molto sarà possibile bloccare le telefonate dei call center sui cellulari. Infatti, mercoledì 13 aprile entra in vigore il decreto del Presidente della Repubblica n. 26, firmato da Sergio Mattarella lo scorso 27 gennaio, e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 marzo. “Regolamento recante disposizioni in materia di istituzione e funzionamento del registro pubblico dei contraenti che si oppongono all’utilizzo dei propri dati personali e del proprio numero telefonico per vendite o promozioni commerciali”.

Dunque, si tratta di un registro dove poter iscriversi ed evitare di essere contattato dai call center che a volte risultano essere davvero invadenti e fastidiosi.

Da quando funziona e come iscriversi

Il nuovo Registro delle opposizioni è pronta a partire dal prossimo  31 luglio o al massimo dal 1 agosto dovrebbe partire il nuovo servizio pubblico.

Ci saranno, nel frattempo, dei passaggi e tempi tecnici: entro il 28 aprile il Mise dovrà consultare le associazioni dei consumatori e quelle degli operatori. Entro il 28 maggio invece lo stesso Mise sarà chiamato a emanare un nuovo decreto tecnico che fissi le specifiche e i requisiti tecnici per la fornitura delle numerazioni fisse non pubblicate negli elenchi da parte dei gestori telefonici al gestore del Registro delle opposizioni. Passati altri 120 giorni, entro quindi il 27 luglio, il Mise dovrà predisporre le modalità tecniche ed operative di iscrizione al Registro da parte dei consumatori.

Ecco, poi, come potersi iscrivere a questo registro: “Ciascun contraente può chiedere al gestore del registro che la numerazione della quale è intestatario, riportata o meno negli elenchi di cui all’articolo 129 del Codice, o il corrispondente indirizzo postale, riportato nei medesimi elenchi, siano iscritti nel registro per opporsi al trattamento di tali dati per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, effettuato mediante operatore con l’impiego del telefono o della posta cartacea nonché, ai fini della revoca di cui al comma 7, mediante sistemi automatizzati di chiamata o chiamate senza operatore”.

Quindi, il consumatore potrà iscriversi al nuovo Registro delle opposizioni in maniera gratuita, attraverso le seguenti modalità: compilazione di un modulo web sul sito del gestore del nuovo registro, chiamando un numero, attraverso l’invio di una mail.