Renzi contro il pifferaio Grillo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Renzi prova a spaccare il Movimento 5 Stelle. Ma non lo fa partendo da un pregiudizio politico, bensì dall’analisi che certe esagerazioni non producono nulla sotto il profilo delle riforme. Lasciano dietro di sé solo uno strascico di veleni che nulla aggiunge alla vita politica italiana. “Un deputato del Movimento 5 Stelle – ha detto Renzi – ha offeso il Presidente della Repubblica dandogli del boia. E’ un atteggiamento insopportabile e una forma di stupidità, prima ancora che di violenza verbale, che non ha eguali nella storia repubblicana. La solidarietà a Napolitano, innanzitutto – aggiunge Renzi – ma anche un appello ai (tanti) deputati e senatori per bene del movimento di Grillo. Non permettete che i toni assurdi di una parte dei vostri colleghi squalifichino il vostro lavoro. Che vi taglino fuori dalle riforme, come pure sta accadendo. Che vi impediscano di lavorare per il bene dell’Italia. Per uno che urla e sbraita, ci sono cinque, sette, dieci che in silenzio lavorano, e spesso lavorano bene. Perché continuare a tenere il Movimento 5 Stelle ostaggio di chi insulta e non provare finalmente a cambiare le cose?”.

Un appello ai ‘dissidenti’, dunque, perché escano allo scoperto: ”Faccio un appello – ha detto – ai parlamentari del Movimento 5 Stelle ad uscire allo scoperto. A dire quello che pensano. Ci sono tante persone per bene, che fanno bene il loro lavoro. Faccio un appello per dare una mano all’Italia, perché l’Italia ha bisogno anche di loro”.

Nel merito delle discussioni sulla legge elettorale, il segretario Pd spiega: “Ci sono discussioni aperte su dettagli secondo me abbastanza facilmente risolvibili. Sarebbe un peccato perdere l’occasione. Ora la palla è in mano al Parlamento. I piccoli partiti chiedono un rinvio. Vediamo cosa deciderà la presidente della Camera. Tutto quello che doveva essere fatto è stato fatto, anche da parte del Pd, con riferimento al ritiro degli emendamenti”. Quanto a cosa deciderà se l’ipotesi salta, Renzi ha detto “ho già risposto molte volte”.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gli inganni di Salvini e Renzi

Persa ogni vergogna, i Mattei sono arrivati al punto di venderci la loro cacca per cioccolata, spacciando con inarrivabile faccia tosta le rispettive disavventure giudiziarie per medaglie. Renzi la settimana scorsa ha fatto un discorso “altissimo” in Senato contro le distorsioni della magistratura politicizzata, dimenticandosi

Continua »
TV E MEDIA