Renzi cerca la rissa con Conte in tv. Il M5S ha posto al leader di Italia viva 13 domande sull’inchiesta in corso per finanziamento illecito

Renzi Conte M5S
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Prima Giuseppe Conte, dunque Matteo Renzi. Vista la pesante inchiesta che tocca il cosiddetto giglio magico e in primis il senatore ex presidente del Consiglio, ieri in un post il Movimento cinque stelle ha avanzato 13 domande a Renzi.

“Queste domande – si legge sul blog – sono poste nell’interesse di tutti i cittadini, a garanzia dei principi di piena trasparenza e accountability, che devono contraddistinguere l’operato di tutti i politici e che sono fondamentali per alimentare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni e nella classe politica. Su questi aspetti il Movimento 5 Stelle non è disponibile ad arretrare di un millimetro. La politica non può essere solo questione di rispetto delle norme. Per noi la politica è questione di rispetto della dignità delle persone”.

E via all’hashtag #renzirispondi. Immediata è arrivata la replica dello stesso senatore: “Giuseppe Conte ha preparato per me 13 domande: sarò felice di rispondergli in un confronto in diretta TV. Aspetto la sua proposta di data e nel frattempo preparo le 13 domande per lui, dalle mascherine al Venezuela. Sono certo che non scapperà dal confronto democratico. Vero?”. A questo punto si attende solo di capire dove avrà luogo il confronto considerando che teoricamente entrambi i leader sono favorevoli. A meno che non ci siano passi indietro.