Renzi fa Scuola al Pd. Sì al dialogo sulla Riforma. Ma occorre un codice di condotta interno al partito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si punta al dialogo in casa Partito democratico. Il premier, Matteo Renzi, nella direzione di ieri sera ha aperto al dialogo sulla Scuola pur sottolineando di avere i numeri per approvare la Riforma. Il segretario del Pd ha proposto 15 giorni di tempo per il dibattito con il coinvolgimento di tutti i circoli del Partito democratico”. Insomma il segretario è pronto ad ascoltare la minoranza del partito. Non vuole correre per evitare altre spaccature che hanno portato per esempio alla sconfitta alle regionali in Liguria. Il percorso sulla scuola prevede ora il punto con i senatori dem per elaborare emendamenti al ddl in Commissione. Ma sulla questione di fiducia e su un patto di legislatura Renzi ha le idee chiare: “Occorre un codice di condotta interno, che va approvato senza diktat”, ha detto Renzi, “Chi vuole bloccare le riforme mi sfiduci in Parlamento o in direzione”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA