Renzi: siamo tutti francesi. L’attacco alla redazione di Charlie Hebdo è un attentato alla libertà dell’Europa di essere l’Europa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Oggi piange tutto il mondo libero”, questo il commento del premier Matteo Renzi arrivato nel tardo pomeriggio all’ambasciata francese a Roma. “Oggi siamo tutti francesi”, afferma il premier parlando in francese, “Occorre combattere insieme a tutti i cittadini europei contro ogni estremismo”. Ancora prima, alla riunione dei deputati del Pd, il presidente del Consiglio aveva già parlato sull’accaduto: “Quello contro la redazione di Charlie Hebdo è un attentato alla libertà dell’Europa di essere l’Europa: non è un attacco a Parigi e alla Francia ma alla libertà dell’Europa di essere l’Europa. Per questo credo che dovremo essere in grado martedì di riprendere una iniziativa esplicita come Paese e come Unione Europea nelle prossime ore. La libertà di espressione è ferita al cuore dall’attentato e dalla modalità con cui si è svolto”, e per questo si sta preparando una delegazione “non soltanto come Pd ma tutti insieme, convinti sostenitori che questa di oggi e’ una ferita per tutta l’Europa per la città di Parigi e per la Francia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA