Rifiuti, Zingaretti proroga al 15 ottobre l’ordinanza per Roma in attesa che tornino in funzione i due Tmb di Malagrotta. Giovedì l’ok all’intesa con Marche e Abruzzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato la proroga dell’ordinanza regionale per assicurare il ripristino della raccolta dei rifiuti di Roma Capitale. Il provvedimento, spiega la Regione in una nota, sarà esteso fino al 15 ottobre per consentire all’Ama di soddisfare il fabbisogno relativo al trattamento degli scarti indifferenziati nei vari impianti del Lazio.

Dal 15 ottobre, infatti, torneranno in funzione i due Tmb di Malagrotta, che garantiranno una disponibilità di 1.000 tonnellate al giorno, mentre giovedì prossimo verrà approvata in Giunta anche l’intesa con la Regione Marche, che insieme all’Abruzzo assicureranno una capacità di quasi 500 tonnellate al giorno per un totale di 9.500 tonnellate al mese. Queste disponibilità, in aggiunta agli impianti dell’Ama e ai contratti già stipulati dall’azienda capitolina con gli operatori del Lazio, permetteranno di mettere in sicurezza la città di Roma sul fronte del trattamento dei rifiuti indifferenziati.

“Questa serie di misure – ha detto lo stesso governatore- testimoniano la continua collaborazione e il concreto impegno dell’Amministrazione regionale per sostenere il Campidoglio e la sua municipalizzata nelle ripetute criticità riguardanti la gestione dei rifiuti urbani”.

“Ora auspichiamo un confronto con il ministero dell’Ambiente e il Comune di Roma – ha detto, invece, l’assessore al Ciclo dei rifiuti della Regione Lazio, Massimiliano Valeriani – per valutare e avviare soluzioni nel medio e lungo periodo, che possano scongiurare nuove emergenze nel sistema dei rifiuti della Capitale d’Italia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA