Riforma delle pensioni, Quota 41 convince i sindacati. La Catalfo convoca i tavoli. Proroga in arrivo per Ape sociale e Opzione donna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quota 41 alla fine convince pure i sindacati. Cgil, Cisl e Uil hanno dato l’ok alla misura, puntando comunque alla riforma dell’intero sistema previdenziale, garantendo la flessibilità e utilizzando i risparmi di Quota 100 sinora ottenuti dal Governo. E gli stessi sindacati hanno già fissato con la ministra del lavoro Nunzia Catalfo due incontri, per l’8 e il 16 settembre. Subito dopo le ferie e senza perdere del tempo prezioso.

Il primo tavolo servirà a definire il pacchetto di misure da inserire nella legge di bilancio, tra cui il prolungamento dell’Ape sociale e la proroga di Opzione donna. Secondo Cgil, Cisl e Uil occorre poi individuare uno strumento nuovo che vada oltre la pensione e che accompagni con un’indennità i lavoratori a cui mancano 3-4 anni per andare in pensione. Nel secondo incontro, invece, si farà una valutazione più generale su come evitare lo scalone al 2021.

“Con la ministra del lavoro Nunzia Catalfo – ha affermato il segretario confederale della Cgil, Roberto Ghiselli – dovremo capire cosa accadrà dopo il 2021, quando andrà a scadenza Quota 100”. “La base del confronto sulla riforma del sistema previdenziale dal 2022, dopo la conclusione di Quota 100 – ha sottolineato sempre Ghiselli – è la flessibilità in uscita. Noi proponiamo che a 62 anni il lavoratore possa scegliere”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA