Riforme

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

Non si fa il pieno di voti che ha fatto Renzi senza essere credibili. Dunque se il premier dice che si rispetteranno le scadenze e per le politiche si andrà a votare nel 2018, dovremmo crederci. Lasciamo perdere precedenti famosi, come #enricostaisereno o la solenne promessa “Mai al Governo senza passare dalle urne”. Sappiamo com’è andata a finire. Ma a guardare il risultato di Europee e amministrative, il dubbio che si torni presto ai seggi è legittimo. Un’onda così forte in politica non capita spesso. E l’exploit di questi giorni non modifica un granché gli equilibri in Parlamento. Certo, qualche senatore potrebbe farsi tentare e cambiare schieramento, andando a rafforzare la risicata maggioranza che sostiene l’Esecutivo. Ma i grandi numeri non cambiano e il percorso delle riforme resta accidentato, nel precario equilibrio dei rapporti con gli alleati ufficiali – il minuscolo Ncd e i fantasmi di Scelta civica – e soprattutto l’alleato delle grandi partite, a cominciare dalla riforma del Senato e dall’Italicum: Forza Italia. Con equilibri tanto delicati Renzi può fare veramente le riforme che ha promesso? Può cambiare davvero verso al Paese? Può aspirare sul serio a diventare il Tony Blair italiano? La risposta è no. E il nostro Presidente del Consiglio è il primo a saperlo. Dall’altro lato, i parlamentari delle formazioni minori, capito che usciti dalle Camere non c’è modo di tornarci, saranno più attenti a fare scherzi. Forza Italia, inoltre, è tutta da riorganizzare e per farlo c’è bisogno di tempo. A Renzi conviene lasciare questo vantaggio agli avversari? Se Machiavelli potesse dare un consiglio al Principe, la risposta sarebbe no.