Rimpasto in Lombardia. Gallera fuori dalla Giunta Fontana. La Moratti nuovo assessore al Welfare e vicepresidente

LETIZIA MORATTI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Letizia Moratti sarà vice presidente della Regione Lombardia e assessore al Welfare”. E’ quanto ha detto  il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, oggi nel corso della conferenza stampa a Palazzo Lombardia da dove ha annunciato ufficialmente la composizione della nuova Giunta. Sostenuta dal fondatore di Forza Italia, Letizia Moratti, 71 anni, è stata ministra dell’Istruzione, ex sindaca di Milano ed ex presidente della Rai.

Oltre alla Moratti, che prende il posto di Giulio Gallera, entrano al Pirellone anche l’ex ministra del governo gialloverde, Alessandra Locatelli, al posto di Silvia Piani alla Famiglia e le deleghe di Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità. Il leghista Stefano Bolognini, attuale assessore alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità, assume, invece, la delega sulla città di Milano e sarà assessore allo Sviluppo della Città metropolitana, Giovani e Comunicazione. A Guido Guidesi, sempre del Carroccio, la delega allo Sviluppo Economico, al posto di Alessandro Mattinzoli, nominato assessore a Casa e Housing Sociale.

Fontana ha annunciato anche alcuni sottosegretari: Antonio Rossi, Fabrizio Turba, Alan Rizzi e Marco Alparone. “Giulio Gallera ha svolto un lavoro molto pesante, era particolarmente stanco e quindi ha condiviso l’avvicendamento”, ha detto Fontana. “Voglio ringraziare – ha aggiunto il governatore – chi ha lavorato con me in questi tre anni, hanno messo a disposizione il loro impegno e le loro capacità e sicuramente hanno dimostrato una grande voglia di fare”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA