Rincaro del 3% per le concessioni balneari. Dopo la proroga di 15 anni il ministero delle Infrastrutture alza i prezzi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo la proroga quindicennale della concessioni balneari fatta con la legge di Bilancio 2019 ora il governo alza le tariffe del 3% per quest’anno. La novità è contenuta in un decreto del ministero delle Infrastrutture e Trasporti firmato dal direttore generale Mauro Coletta, pubblicato ieri. La norma, emanata dal dicastero guidato da Danilo Toninelli, specifica che si applica, sia a quelle concessioni balneari marittime rilasciate o rinnovate a decorrere dal 1° gennaio 2019, sia a quelle già in vigore alla stessa data.

Tale incremento porta da 354,01 euro a 364,63 euro la cifra minima che i gestori degli stabilimenti dovranno pagare allo Stato per lo sfruttamento degli arenili. Secondo il presidente della Commissione Politiche dell’Unione Europea della Camera, Sergio Battelli, del Movimento 5 Stelle, “adesso che abbiamo fatto la proroga di 15 anni delle concessioni con la legge di bilancio bisogna iniziare a ragionare sull’aggiornamento delle tariffe al termine del periodo transitorio e a nuove gare per affidarle”.

Mentre per quanto riguarda la tempistica e le modalità per arrivare a un nuovo meccanismo per affidare la gestione degli stabilimenti balneari, il presidente della Commissione Politiche dell’Unione Europea è chiaro: “A mio avviso lo strumento più idoneo per rivedere le tariffe e disciplinare le gare – prosegue Battelli – per l’assegnazione delle nuove concessioni è una legge delega, anche se ripeto che si tratta di una mia personale opinione”. Adesso resta da vedere l’opinione della Lega su questo tema.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA