Rivolta nel mercato di Testaccio, banchi chiusi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Serrata dei banchi al mercato di Testaccio. “Il Comune non mantiene le sue promesse”, questo è il motivo della rivolta. Il nuovo mercato è stato inaugurato nel luglio scorso, ma oggi i 103 operatori non hanno lavorato.
“La verità è che la struttura è stata inaugurata prima che fosse completata” si lamenta il presidente dell’Upvad, Franco Gioacchini, a nome degli operatori al dettaglio su aree pubbliche.
All’inaugurazione del mercato da 5 mila metri quadrati di superficie il 2 luglio c’erano il sindaco Alemanno con tre suoi assessori: Davide Bordoni (Commercio), Fabrizio Ghera (Lavori pubblici) e Antonello Aurigemma che allora era il titolare dei Trasporti. “Già a giugno – prosegue – noi avevamo detto che il mercato non era pronto all’apertura, e con Bordoni firmammo un documento in cui si spiegava chiaramente che gli operatori sarebbero entrati nella struttura solo se il Comune avesse adempito ad alcuni passi che per noi erano e sono imprescindibili.