Roma di fuoco nella notte contro gli immigrati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Notte di scontri nella periferia romana. La rivolta anti-immigrati torna a farsi sentire nel quartiere di Tor Sapienza dove c’è un centro di accoglienza. Prima i sassi lanciati, subito dopo i cassonetti incendiati da parte di una cinquantina di persone che nella notte hanno provato a fare irruzione nel centro. All’intervento delle forze dell’ordine i cinquanta scalmanati hanno lanciato bombe carta. Incendiate anche delle auto lungo viale Giorgio Morandi. E anche gli ospiti del centro, secondo alcune testimonianze non sarebbero rimasti a guardare, lanciando oggetti dalle finestre. Due i feriti lievi, tra cui un poliziotto, trasportati in ospedale con qualche contusione. Danneggiate pure cinque pattuglie.

“La tensione è alle stelle”, ha affermato Tommaso Ippoliti, presidente del comitato Tor Sapienza, “Da anni questa borgata è stata abbandonata, non si può uscire la sera e ultimamente le aggressioni e i furti sono aumentati. Come comitato prendiamo le distanze dagli episodi di violenza della scorsa notte, ma la gente è giustamente esasperata. Chiediamo più sicurezza”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA